Ornans: itinerario nei luoghi di Courbet

Il nostro viaggio in Franche Comté continua a sorprenderci: dopo aver visitato un’imponente fortezza, la capitale mondiale dell’assenzio, un’antica abbazia ed aver scoperto una repubblica sconosciuta eccoci ora entrare nei “luoghi di Courbet”.

É un itinerario che si snoda nella campagna bisontina, lungo il corso della Loue, viaggiando tra piccoli paesi resi celebri e fermati nel tempo nelle tele di Courbet.

Nel 2004 il Dipartimento del Doubs decide di valorizzare i luoghi natale di Gustave Courbet con l’itinerario culturale “luoghi di Coubert, luoghi d’artista” che ad oggi si compone di 5 siti principali: la fattoria di famiglia a Flagey, il suo atelier ed il museo ad Ornas nella sua casa natale, le sorgenti della Loue e 8 sentieri segnalati nella campagna circostante.

Chi era Gustave Courbet?

Jean Désiré Gustave Courbet nasce ad Ornans nel 1819, esponente di spicco del realismo è noto soprattutto per il dipinto “l’origine del mondo”. Rimane sempre profondamente legato ai luoghi delle sue origini che si ritrovano in molte sue celebri opere come ad esempio nel “Funerale ad Ornans”. Dopo una vita tumultuosa muore in disgrazia nel 1877.

Le sorgenti della Loue

Iniziamo il nostro cammino dalle sorgenti della Loue. Lasciamo l’auto nel parcheggio e proseguiamo in una bellissima strada immersa nel verde che, unita a una giornata calda, ci regala una piacevole passeggiata.

L’ambiente bucolico invita ad indugiare, la Loue sembra sgorgare direttamente dalla roccia, ma in realtà è una risorgiva del Doubs e lo si è scoperto quasi per caso nel 1901 quando a Pontarlier si sviluppò un incendio in una distilleria. Per impedire l’esplosione delle botti piene di alcool tutto l’assenzio venne versato nel Doubs e pochi giorni dopo i pesci della Loue barcollavano ubriachi. Si capì così il collegamento sotterraneo tra i due corsi d’acqua.

Loue

Loue

Loue

Courbet dipinse le sorgenti della Loue molte volte, se ne contano almeno quattordici, ed è anche per questa ragione che il sito è protetto a partire dal 1930 come luogo d’interesse storico culturale ed è tutt’ora uno dei siti naturali più visitati della regione.

La Valle della Loue

Riprendiamo il viaggio e attraversiamo Mouthier Haute-Pierre, paese dalla storia antica che parla di fatica e vita di campagna. Qui si coltiva la vite e le strette vie costeggiate da antiche case in pietra - alcune con i portoni scolpiti - si inerpicano sulla collina.

Arriviamo a Lods, classificato tra i più bei villaggi di Francia e capiamo subito il motivo: è un paese da cartolina, affascinante, adagiato sulle rive del fiume. Villaggio di coltivatori di vite, ma anche di fabbri che sfruttavano la forza del fiume per le loro botteghe. Conserva una chiesa del ‘700 e un castello del XIII secolo, ma è l’atmosfera in sé che vale il viaggio e anche una sosta.

Lods

Ornans: il museo Courbet

Proseguiamo il nostro itinerario ed arriviamo ad Ornans, paese natale di Courbet. La cittadina è la più grande della zona e si sviluppa sulle due sponde del fiume con tante case, balconi fioriti che si affacciano direttamente sulla Loue. Il paesaggio è gradevole, ma chi viene qui lo fa principalmente per visitare il museo di Courbet inaugurato nel 2011. Conta 16 sale in cui ripercorrere la vita dell’artista ammirando circa 400 opere tra disegni, ritratti e cimeli vari.

Durante la nostra visita c’era molta gente e personalmente abbiamo preferito il piccolo giardinetto all’uscita, tranquillo e con tante rose. Abbiamo passeggiato per le vie animate del centro e visitato la chiesa del XVI secolo.

Ornans Museo Courbet

Ornans

Ornans

Ornans: i dintorni

Nei dintorni di Ornans potete trovare tanti altri luoghi legati a Courbet. A una decina di minuti in auto potete raggiungere Flagey e visitare la fattoria della famiglia, oggi restaurata in moderno spazio espositivo, oppure dirigervi verso Scey-Maisières e vedere se riuscite a scorgere lungo il corso del fiume il mulino da lui dipinto nel “Miroir de Scey”.

Tutta la zona è un piccolo paradiso per gli escursionisti. Da ogni paese partono sentieri che conducono fino a belvedere mozzafiato da cui si dominano tutti i paesi che abbiamo visitato. Trovate tutte le informazioni nei vari uffici del turismo.

Noi proseguiamo per la destinazione principale del nostro viaggio: Bésancon.