Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.

Viaggio in Norvegia 2015 – Crociera nel Geirangerfjord - Briksdalsbreen - Balestrand

post.images.0.alt

Ci svegliamo di ottimo umore, pronti per la colazione e ansiosi di partire per la nostra crociera nel famosissimo Geirangerfjord. Ma ci basta guardare fuori dalla finestra perché si spenga ogni entusiasmo. Piove, e una giornata di pioggia in Norvegia non ha nulla da invidiare al grigiore e alla tristezza della pioggia nostrana... Credeteci sulla parola!

Ci guardiamo in faccia desolati, consci che purtroppo in vacanza non sempre brilla il sole e non sempre le cose vanno come si vorrebbe. Allora, che si fa? Ovvio, si mangia e si parte. Impavidamente puntuali arriviamo sul molo raggiungendo il gruppetto con cui stiamo percorrendo il nostro itinerario in Scandinavia, pronti per salire sul battello.

Leggi tutto...

Castello di Issogne: una visita da sogno in Valle d'Aosta

post.images.0.alt

Ci sono cose che capitano una sola volta nella vita e visitare il castello di Issogne durante un evento privato, di sera e con la guida di Omar Borettaz, responsabile del Fondo Valdostano della Biblioteca Regionale di Aosta, è una di queste!

Il castello di Issogne è il nostro maniero valdostano preferito; nel corso degli anni l’abbiamo visitato innumerevoli volte ma eravamo in trepidante attesa per questa serata, sicuri che Omar ci avrebbe presentato il castello sotto una luce completamente nuova.

Leggi tutto...

Valle d'Aosta: escursione verso il rifugio Crête Sèche a Bionaz

post.images.0.alt

Io (Andrea) sono un'appassionato escursionista e per la prima uscita della stagione ho “arruolato” il mio amico Loris – non penserete davvero che io (Sandra) mi lasci convincere così facilmente a camminare per ore in montagna...?!

Visto il nostro allenamento non ancora ottimale eravamo orientati verso un itinerario mediamente impegnativo, così abbiamo scelto di raggiungere il rifugio Crête Sèche, nella Valpelline. Punto di partenza non solo per escursioni ma anche per arrampicate sia estive che invernali, questo percorso è una buona idea per “scaldare le gambe” (come dice Loris) in vista di giri più impegnativi, e non essendo troppo lungo è adatto anche alle famiglie.

Leggi tutto...

Valle d'Aosta: Cogne, 2 giorni in (Gran) Paradiso

post.images.0.alt

Ci sono luoghi che ti restano dentro e non ti stancano mai, dove torneresti una, dieci, cento volte, soprattutto se sono vicini a casa. Per me (Andrea) Cogne, perla del Parco Nazionale del Gran Paradiso, è da sempre uno di questi luoghi. Invece io (Sandra), prima di conoscere il mio Andrea, ci sono stata solo una volta di sfuggita, sinceramente senza cogliere molto della sua atmosfera.

Ad ogni modo ora ci andiamo non appena possiamo: è diventata la meta delle nostre “fughe” e dei nostri weekend, e scopriamo sempre qualche nuovo posticino interessante. E questa volta c'era anche un motivo che rendeva particolarmente speciale la nostra piccola vacanza: il festeggiamento dell'anniversario della nostra storia d'amore.

Leggi tutto...

Viaggio in Norvegia 2015 – Lillehammer, Ringebu, Trollstigen e Geiranger

post.images.0.alt

Ci svegliamo carichi di energia con ancora nella mente i due giorni trascorsi ad Oslo, ci aspetta una lauta colazione continentale e poi raggiungeremo il piccolo gruppo che condividerà con noi i prossimi giorni.

Andrea fa una splendida scoperta: i pullman norvegesi prevedono molto spazio tra un sedile e l’altro così che anche lui, che ha sempre difficoltà vista l’altezza (oltre 1m e 90), possa per una volta viaggiare comodo.

Lasciamo Oslo di ottimo umore, pieni di curiosità e pronti a proseguire il nostro itinerario in Scandinavia per scoprire la Norvegia e vedere finalmente i fiordi di cui abbiamo tanto sentito parlare.

Leggi tutto...

Sono Sandra e sono la Regina del Mondo

post.images.0.alt

Ogni tanto, nella vita, c'è bisogno di una ricarica di autostima. Ma sempre con tanta autoironia.

Per tutti noi gli ultimi 14 mesi (ormai siamo al quindicesimo) sono stati difficili, quando non disastrosi o addirittura tragici. Ognuno ha la sua storia, unica e particolare, e come ognuno vivo in un mio Piccolo Mondo.

Il mio Piccolo Mondo è fatto di persone che amo, problemi quotidiani e qualche soddisfazione, gioie e dolori, vittorie e sconfitte, coraggio e paura, situazioni belle e brutte che affronto con la consapevolezza che non sempre si riesce a fare la cosa giusta o quello che si vorrebbe, ma con la testarda volontà di dare sempre il mio meglio.

Leggi tutto...

Viaggio in Messico 2014 – Giorno 2: grotte di LolTun e Uxmal

post.images.0.alt

Vi ricordate? C'eravamo lasciati a Mérida quando, stanchi morti dopo la nostra prima giornata in Messico, siamo crollati sul letto come due sacchi di patate (dolci, naturalmente, visto che sono originarie proprio del Centro e Sud America).

Dopo un buon sonno ristoratore siamo di nuovo belli arzilli, pronti ad affrontare la seconda tappa del nostro itinerario nello Yucatán. Ci ritroviamo quindi con i nostri temporanei compagni di viaggio, saliamo sul pulmino e partiamo alla volta di nuove avventure!

Leggi tutto...

Venezia, faraoni e boccioli di rosa

post.images.0.alt

Venezia ha fatto parte della mia vita fin da quando ricordo. E’ stato un rapporto complicato il nostro, fatto di amore, litigi, riconciliazioni, partenze e ritorni.

A Venezia nel 1984 ho visto la mia prima mostra, “I Tesori dei Faraoni”, a Palazzo Ducale; nel 1994, al Teatro La Fenice ho visto la mia prima opera lirica, “Orfeo ed Euridice”; e sempre a Venezia è legato il mio più grande rimpianto, l’università mai terminata.

Ripenso spesso a quei frammenti della mia vita. Per tante ragioni non ne ho mai scritto, ma credo che ora sia giunto il momento.

Leggi tutto...

Viaggio in Messico 2014 – Giorno 1: Cancun, Ek Balam, Chichén Itzá e Merida

post.images.0.alt

Siamo arrivati all’aeroporto di Cancun in piena notte, dopo uno scalo tecnico a Cuba.

Io (Andrea) ricordo ancora il donnone dagli occhi crudeli che scrutava il mio passaporto... E l’addetto al controllo bagagli che decideva chi ispezionare in base alla sorte, o forse in base alle sue antipatie personali... Mentre io (Sandra) ricordo che appena si aprirono le porte a vetri dell’uscita venni investita da una folata d’aria bollente, che mi fece pensare con terrore: “Ma se di notte fa così caldo, come sarà di giorno?”.

Leggi tutto...